No items found.
No items found.
Subscribe now

by

Valentina Marini

Aug 30, 2022

Tra connessioni e notifiche h24 “non è umanamente sostenibile"

Eccoci qua, rientrati dopo una pausa più o meno lunga a seconda delle proprie attività lavorative e delle scelte personali. Indipendentemente dalla fine o meno delle ferie, questo che ci troviamo davanti è sicuramente il periodo che per definizione apre il nuovo anno sociale: un nuovo inizio non solo per gli studenti ma una metaforica – e neanche troppo – occasione in cui generalmente si lascia il vecchio e si abbraccia il nuovo, facendo inevitabili bilanci.

Come sto?

Questa è la domanda più importante che condivido nella ripresa e che mai, come in questo periodo storico, ritengo importante farsi. Se l’ascolto degli altri è un valore di primaria di importanza, è pur vero che senza il benessere personale è oggettivamente poco fattibile (e credibile) pensare a quello di chi ci sta intorno. Tra la pandemia e i diversi accadimenti di questi ultimi anni, uno degli aspetti positivi è stata la crescente attenzione sulla nostra salute, a partire da quella mentale che spesso è quella che causa anche i più tangibili problemi di salute.

 

Forse nelle organizzazioni, alla ricerca di un nuovo equilibrio nella trasformazione digitale, abbiamo davvero esagerato tra notifiche, video-riunioni, e-mail a tutte le ore, troppo ostentata/ricercata reperibilità, portandoci a tratti a dover ricercare tracce di umanità nel quotidiano professionale. Percependone i “lati oscuri” (“the dark side of digital”), abbiamo iniziato a ostentare la parola umanità, l’abbiamo messa in tanti titoli di libri e webinar, ne abbiamo discusso, abbiamo cercato capi e leader gentili e umani. E in questo scenario la sostenibilità ha iniziato a risuonare dentro di noi come una parola sempre più densa di significato, perché no così “non è umanamente sostenibile”.

 

Stiamo provando a definire le linee guida interne da diffondere all’interno delle organizzazioni e stiamo facendo tanta formazione per accompagnarci nella r-evoluzione digitale: tutto questo è senza dubbio essenziale. Ma la domanda da porsi sempre in fase di “start” è: ognuno di noi si sta impegnando – proattivamente - a costruire le proprie sane abitudini per cavalcare le onde della trasformazione senza esserne travolto? Se il diritto alla disconnessione è uno degli argomenti maggiormente caldi, non è possibile delegare ai buoni propositi la creazione di nuovi comportamenti consapevoli in una realtà fatta di continue e-mail, telefonate, riunioni, ecc.  In questa direzione, possiamo comprendere il senso del valore generato dal “nudgetech” (“per nudgetech si intende una forma di architettura delle scelte, supportata da intelligenza artificiale, il cui fine è stimolare comportamenti - senza compromettere la libertà individuale - che impattino positivamente sugli individui, il team e l’organizzazione nel suo complesso”) che permette di colmare il gap comportamentale tra il “dove mi trovo oggi” e il “dove idealmente vorrei essere domani”.

 

Poco prima di andare in ferie la redazione di “LinkedIn Notizie” aveva proposto una delle #conversazioniestive dedicandola ai “consigli utili per staccare sul serio quando si va in ferie". Come ha recentemente ricordato Carlo Caporale – AD, Wyser Italia | LinkedIn Top Voice Lavoro - il bilanciamento tra la vita privata e il lavoro non significa percepire queste due dimensioni separate, a compartimenti stagni; il lavoro è parte integrante delle nostre vite. Lì portiamo noi stessi, con personalità, desideri e valori. E fuori di lì portiamo sempre con noi le esperienze, che sono sempre umane oltre che professionali. Dalle sue parole:

“Non ha senso ragionare a compartimenti stagni, come se l’equilibrio fosse in una percentuale di tempo o una porzione di spazio. Credo piuttosto che l’equilibrio sia nella continuità tra il tempo e lo spazio personale e quello professionale, data dalla possibilità di ritrovare se stessi, i propri valori e le gratificazioni in quello che facciamo.”

 

In sintesi, ripartiamo con il piede giusto in questo settembre: pensando il nuovo equilibrio tra connessione e disconnessione non solo nelle ferie o nella sfera professionale, prendendo atto – davvero - della costante commistione. Ancora una volta facciamo in modo che sia il personale senso di responsabilità e di impegno a guidare la sana relazione con gli altri attraverso la tecnologia perché, ricordiamoci sempre, che la tecnologia è il mezzo che ci permette le connessioni ma la relazione è con le persone, questa diversa prospettiva può forse permetterci di guardare la nostra realtà con un punto di vista meno sfocato.

 

Riparto da qui, con queste riflessioni, per provare a capire come ognuno di noi stia pensando di staccare e ripartire davvero ogni giorno mettendo al primo posto la propria sostenibilità umana. Poi le organizzazioni devono sicuramente pensare a come agevolare un cambiamento significativo che garantisca il benessere a 360 gradi delle persone, in termini di salute fisica e mentale, emotiva e finanziaria, assicurando maggiore work-life balance ed equità sociale.

Iscriviti alla newsletter ✉️

Vuoi essere sempre aggiornato sui temi del digitale? Vuoi scoprire come realizzare nella tua azienda le New Ways of Working? Iscriviti alla nostra nuova newsletter per non perderti le nostre guide!

Subscribe Now

Iscriviti alla newsletter

Inizia con noi il viaggio nel mondo del lavoro ibrido: ascolto e co-design saranno le prime tappe di un percorso insieme!
Iscriviti alla newsletter per saperne di più.

Subscribe Now